CIRCOLARE DELLA REGIONE E NOTE AIFA

14 dic. 04

<?xml:namespace prefix = o ns = “urn:schemas-microsoft-com:office:office” />

 

Protocollo N ASS/DIR/ 04/ 43595

 

 

Circolare N. 22 delle Aziende Sanitarie, delle Aziende Ospedaliere e dello IOR della Regione Emilia-Romagna

Oggetto: Determinazione 29.10.04 dall’Agenzia Italiana del Farmaco: NOTE AIFA 2004 (revisione delle Note CUF): periodo transitorio.

 

 

Il 19 novembre 2004 sono entrate in vigore le nuove Note AIFA: come noto esse sono contenute nella Determinazione AIFA in oggetto, pubblicata nella G.U. n. 259 del 4 novembre 2004 supplemento ordinario n.162.

Alcune di tali Note hanno subito una serie di variazioni; ciha comportato il superamento delle prime indicazioni regionali impartite su tale argomento (cfr. nota prot. ASS/AFR/04/40515 del 18.11.04).

 

L’AIFA ha inoltre promosso un incontro tecnico con le Regioni nel quale sono stati evidenziati aspetti critici legati all’adozione della Determinazione e la necessitdi formulare chiarimenti interpretativi per alcune altre Note.

In sede regionale, con il supporto della Commissione Regionale del Farmaco, sono state esaminate le diverse criticit di carattere interpretativo e organizzativo, emerse dalla pubblicazione della revisione delle Note e si ritenuto di procedere alla elaborazione di indicazioni che richiedono
tuttavia un periodo pilungo di riflessione e di confronto anche con quanto sta per essere emanato dall’AIFA.

Nelle more di tale elaborazione ragionevole ritenere il periodo intercorrente fra l’entrata in vigore delle nuove Note AIFA e la formalizzazione di indicazioni regionali come una fase transitoria nella
valutazione delle prescrizioni farmaceutiche, in modo da consentire ai medici prescrittori ed ai cittadini assistiti un graduale passaggio alla nuova normativa.

Si ricorda che il tema di una fase transitoria successiva all’emanazione di variazioni alle Note CUF previsto anche dagli accordi convenzionali dei Medici di Medicina Generale, secondo l’art. 15 bis comma 6 punto c.

 

Distinti saluti.

Franco Rossi