Mese: Febbraio 2005

CASSAZIONE E DIAGNOSI PRECOCE

Di fronte ad una patologia perfettamente conosciuta, anche se la prevenzione e la diagnosi precoce erano affidate, nel caso specifico, solo alla libera iniziativa dei reparti di neonatologia ed alla sensibilite alla preparazione dei pediatri neonatologi, deve ritenersi che, laddove esistevano centri specializzati, i sanitari dell’ospedale avrebbero dovuto con l’ordinaria diligenza, subito dopo la nascita del paziente, eseguire i prelievi ed inviarli ai suddetti centri per il compimento degli esami di “screening” metabolici neonatali, necessari per una precoce diagnosi della malattia.

(www.dirittosanitario.net)<?xml:namespace prefix = o ns = “urn:schemas-microsoft-com:office:office” />

Continua a leggere