TAR SICILIA – ( l’ex assistente medico che rivendica le mansioni di aiuto, necessita di atto formale di assegnazione)

Anche per il personale del comparto sanitario essenziale in aggiunta agli altri requisiti – che lo svolgimento delle mansioni superiori, per dar titolo alla corresponsione del trattamento retributivo differenziale ai sensi dell’art. 29 d.P.R. 20 dicembre 1979 n. 761, avvenga (oltre che a seguito di formale provvedimento dell’organo cui compete la gestione del personale) quanto meno in virtdi una disposizione impartita da un dirigente dell’Usl avente potere dispositivo in materia di assegnazione del personale ai vari uffici e servizi, eccezion fatta per il solo personale medico con la qualifica di aiuto, che ha l’obbligo di sostituzione del primario, la cui funzione da ritenersi indefettibile in una struttura sanitaria ed in quanto imposto direttamente dall’art. 7 d.P.R. 27 marzo 1969 n. 128.(www.dirittosanitario.net)