Mese: Aprile 2007

CASSAZIONE PENALE (concorso cosciente e volontario dell’ odontoiatra nellabusivo esercizio della professione).

La disponibilitdi un affermato ed impegnato professionista ad assumere l’incarico di direttore sanitario di altro studio dentistico, appartenente a diverso professionista e sito in diversa citt senza peraltro espletare in concreto le funzioni connesse a tale incarico, sintomo univoco di una situazione fittizia, concretizzatasi nel fare da “prestanome” a persona in posizione di illegalit [ Avv. Ennio Grassini www.dirittosanitario.net ]

Continua a leggere

TRIBUNALE di MONZA ( intervento riuscito: medico condannato per omessa informazione)

La responsabilitdel sanitario per violazione dell’obbligo del consenso informato discende dalla tenuta di una condotta omissiva dell’adempimento dell’obbligo di informazione circa le prevedibili conseguenze del trattamento cui il paziente venga sottoposto e dalla successiva verificazione, in conseguenza del trattamento stesso, di un aggravamento delle condizioni di salute del paziente. Ai fini della configurazione di tale responsabilit appare del tutto indifferente se il trattamento sia stato eseguito correttamente o meno. [ Avv. Ennio Grassini www.dirittosanitario.net ]

Continua a leggere

Rivalutazione rendite dei Medici colpiti da malattie e lesioni da raggi x

Nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 77 del 2 aprile 2007 stato pubblicato il decreto 4 gennaio 2007 concernente la Rivalutazione delle prestazioni economiche dellINAIL in favore dei medici colpiti dallazione dei raggi X e delle sostanze radioattive, con decorrenza 1 gennaio 2003. Riliquidazione delle stesse prestazioni per gli anni 2003, 2004, 2005 2006.

Continua a leggere

CORTE dei CONTI (interventi non giustificati da esigenze patologiche, il chirurgo risarcisce la ASL)

Sussiste un comportamento connotabile come gravemente colposo, con conseguente condanna al risarcimento del danno erariale subito dalla ASL, ove dalle indagini si sia riscontrato che il chirurgo abbia posto in essere comportamenti concretizzatisi in interventi, comunque posti a carico del servizio sanitario, ma non aventi finalitcliniche atte a risolvere un problema di salute dei pazienti, bensmere finalitestetiche, in palese contrasto con la normativa statale e regionale di riferimento; con un atteggiamento psicologico, desunto anche dalle dichiarazioni di alcune pazienti, persuasivamente confermato come improntato a grave leggerezza professionale (caso di interventi di mastoplastiche riduttive, mastoplastiche additive, orecchie a sventola, liposuzioni). [ Avv. Ennio Grassini www.dirittosanitario.net ]

Continua a leggere